Il corteo a Roma e gli indignati

Dopo il corteo degli indignati di Roma, le riflessioni … Ieri, a Roma  doveva essere una manifestazione pacifica, come è avvenuta in tutto il mondo, solo che da noi, la protesta è degenerata, e quello che è successo (le ultime notizie riportavano di scontri, feriti e distruzione) sarà da oggi in poi tema di discussione in  politica e argomento di tutti i mass media: giornali, televisione, ecc.
In Italia c’erano oltre 190 piazze piene di giovani, tra queste spiccava Roma con oltre 200.000 tra studenti, precari, giovani e meno giovani, centinaia di migliaia di persone che avrebbero voluto con questa manifestazione esprimere le ragioni del proprio sdegno (Gli indignati contestano i banchieri e i politici, che sono accusati di rovinare le economie e di condannare milioni di persone al disagio con la loro avidità e il malgoverno).
il corteo degli indignati roma,indignati,roma,black bloc,protesta,corteo,capitaleil corteo degli indignati roma,indignati,roma,black bloc,protesta,corteo,capitale
Si dice, si è visto e continuano a farci vedere,  infiltrati tra i cortei studenteschi, chiamati  black bloc, ragazzi, persone che vestono di nero, indossano caschi, protezioni e passamontagna,  imbracciano bastoni  (i black bloc  sono individui dediti ad azioni di protesta spesso caratterizzate da atti vandalici, disordini e scontri con le forze dell’ordine).
Queste persone hanno messo a ferro e fuoco il centro della Capitale distruggendo tutto ciò che gli capitava a tiro oltre a scagliarsi contro le forze dell’ordine, passanti, turisti, vetrine dei negozi e locali. Saliti sul Pincio hanno bersagliato con i sanpietrini tutti coloro che erano in Piazza del Popolo senza distinzione di colori tra agenti, giornalisti e gente comune, devastando la storica piazza e dando alle fiamme camionette della polizia ed alcuni mezzi Atac, ecc. ecc 
il corteo degli indignati roma,indignati,roma,black bloc,protesta,corteo,capitaleil corteo degli indignati roma,indignati,roma,black bloc,protesta,corteo,capitale
Ieri Roma è stata trasformata in una zona di guerra. Oggi  in strada restano le auto e i cassonetti bruciati, i tratti di selciato divelti per fare dei sampietrini proiettili, le facciate delle banche, dei negozi e degli alberghi distrutte e annerite dal fumo degli incendi con  oltre 70 i feriti di cui tre gravi e almeno un milione di danni subiti.
il corteo degli indignati roma,indignati,roma,black bloc,protesta,corteo,capitaleil corteo degli indignati roma,indignati,roma,black bloc,protesta,corteo,capitale
Ogni guerra ha una ragione e tutti ce ne facciamo una ragione, il buonismo prevale sempre ma di questa giornata di smarrimento, d’inquietudine, di scene apocalittiche che noi abbiamo visto in televisione, e che i romani, i turisti hanno vissuto in prima persona, quale è la ragione?
Nei nostri occhi e nella nostra mente è rimasta solo l’immagine di automobili, locali di privati cittadini del tutto estranei in fiamme o distrutte, (poveracci che si troveranno dei danni che nessuno gli pagherà);
di persone che hanno compiuto atti di violenza e di vandalismo gratuito contro la città più bella nel mondo, (danni valutati in almeno un milione che andranno a carico di cittadini onesti che già pagano tasse salate);
scene di follia che hanno generato in noi sentimenti controversi: sofferenza, smarrimento, rabbia, impotenza.
Non c’e’ disoccupazione ne’ altro problema seppur grave, che possa giustificare questa giornata e questa azione, questa scivolata verso l’incivilta’. Alla fine, così come succede per la politica (che continua strangolare gli italiani con nuove tasse anche questi teppisti costringono la gente a pagare per le loro distruzioni) a pagare questa giornata di guerriglia e di distruzione non ci sarà chi ha devastato Roma ma la povera gente, quella che ogni giorno si sveglia e va a lavorare per portare a casa la pagnotta e pagare le tasse e da domani a pagare i danni che questi “bravi ragazzi” hanno causato senza una ragione.
il corteo degli indignati roma,indignati,roma,black bloc,protesta,corteo,capitale
il corteo degli indignati roma,indignati,roma,black bloc,protesta,corteo,capitaleil corteo degli indignati roma,indignati,roma,black bloc,protesta,corteo,capitale
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Precedente 11 settembre 2001: una data che non si potrà più cancellare. Successivo Dedicato a Marco Simoncelli